Caso Marcelletti 1: “In certi ambienti si sa come incastrare chiunque”

Quanto accaduto per il caso del Cardiochirurgo Marcelletti sembra molto attuale. Il Cardiochirurgo viene accusato di reati che poi la morte per “suicidio indotto” non permette di verificare in un giusto processo.

Anche in questo caso il suo peccato capitale è stato quello di lavorare bene e impedire spreco di denaro pubblico.

Riproporremo in prossimi post alcuni estratti di articole dedicati a lui.

WildGreta il Blog: “Un bravo medico doveva interrompere quel gioco”

Palermo 13 maggio 2008. La dottoressa Amelia Romano è medico pediatra presso l’Ospedale dei Bambini di Palermo, ovviamente, lavorando con i bambini, ha avuto diversi contatti dal punto di vista professionale con Carlo Marcelletti. Ha accettato di riliasciare un’intervista a La Voce.

Dottoressa, cosa pensa di quanto emerso?
Conosco Marcelletti, come chirurgo è assolutamente inattaccabile. Detto questo non posso essere a conoscenza delle carte dei magistrati. Sono indubbiamente sorpresa, ma ci vuole cautela su una vicenda emersa con tanta facilità e così repentinamente.

Ripeto, aspettiamo, oramai è luogo comune attaccare la sanità nella sua interezza, includendo professionisti che questo lavoro lo svolgono con passione.

Ma è innegabile che il quadro della sanità siciliana sia a tinte fosche, come lo hanno dipinto i difensori di Marcelletti.
Non è la sanità a non funzionare, ma la politica della gestione della sanità. La professionalità dei bravi medici, e ci sono, viene sacrificata per interessi più alti, senza distinzioni di colori, bandiere e partiti.

Guttadauro, Miceli, Aragona, sembra non esserci spazio per la meritocrazia?
Esatto, lobby politiche, se non peggio, che coltivano i loro interessi.

Quindi un Marcelletti non integrato, che non ha mai accettato il sistema, può essere diventato un obiettivo sensibile, questo a prescindere dai reati che verranno o meno accertati?
Con tutta sincerità non lo escludo, esistono diversi modi per far avanzare qualcuno, diciamo così, più morbido, a dispetto di un altro. Del resto è contraddittorio il fatto che i genitori dei piccoli pazienti di Marcelletti, manifestino sotto l’abitazione del cardiochirurgo, mentre l’Ordine dei Medici ha già pronta la procedura di sospensione, senza neppure il rinvio a giudizio. In certi ambienti si sa come incastrare chiunque.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s